Home » Glossario Erbe » Rosmarino

Rosmarino   

Habitat: clima mite preferibilmente. In zone riparate resiste anche a basse temperature

Parte utilizzata: le foglie, i rametti, i fiori

Proprietà: stimolante, tonico, stomachico, antispasmodico, favorisce la digestione
 

Il Rosmarino è un arbusto appartenente alla famiglia delle Labiacee, tipico delle zone costiere e della Macchia mediterranea, è ricco di olio essenziale quale pinene, canforene e limonene. Il suo nome latino è antico e significa “rugiada di mare”. E’ una pianta nota sin dall’antichità per le sue proprietà. Egizi e Romani lo consideravano una panacea.
Si usano i rametti e i fiori freschi durante tutto l’anno, mantenendo intatte le loro proprietà, che invece con l’essicazione tendono a ridursi per il disperdersi dei principi attivi.
Utile nei casi di  dolori artritici e muscolari.  Scioglie  l'acido urico e i cristalli che induriscono i tessuti epidermici e sulla pelle ha un effetto tonico, antisettico e lievemente astringente.
Il Rosmarino è una pianta aromatica e quindi molto utilizzata in cucina per insaporire e profumare le pietanze, nonché ottimo conservante naturale.
Come per molte erbe bisogna fare attenzione: è controindicato infatti alle donne in gravidanza; da evitare l’olio essenziale in grandi quantità perché può causare intossicazione.